Thanks to Alexander Redl 

Anche per voi #settembreisthenewgennaio?

Sono in molt* (e non solo nel mondo della scuola) a ritenere che il vero capodanno sia settembre, l’autentico mese delle ripartenze, dei ritorni alle attività quotidiane dopo le vacanze, dei nuovi inizi e dei soliti buoni propositi… a partire dallo sport, dai corretti stili di vita e, più in generale, dal miglioramento di sé, in ogni ambito della propria vita.

La quotidianità riprende, a scuola come nella maggior parte dei luoghi di lavoro, le temperature calano progressivamente e le ore di luce iniziano a diminuire… generando a volte stanchezza, irritabilità, mal di testa, ansia, apatia, difficoltà di concentrazione, debolezza, svogliatezza, insonniainsoddisfazione. Si tratta della cd. “Post vacation syndrome” o “postvacation blues” o “sindrome da rientro” che colpisce, secondo i dati Istat, circa una persona su dieci al rientro dalle ferie.

Occorre infatti sfatare un luogo comune, cioè che il riposo e il relax ricarichino le batterie mentali; in realtà, non è così. Per la maggior parte delle persone, il lungo riposo estivo acuisce i sintomi da stress, che si manifestano più fortemente non appena si rientra alla vita di tutti i giorni.

Se da un lato è comprensibile ripensare con nostalgia alle giornate estive, è altrettanto importante non farsi sovrastare da sensazione spiacevoli e riprendere con serenità la nostra vita lavorativa. In tal senso lo sport è un utile strumento per prendersi cura del nostro corpo e della nostra mente: perché significa prendersi del tempo per il proprio benessere (un po’ come una mini vacanza!), mantenere il buon umore poiché stimola la produzione di endorfine. Può essere rigenerante anche passeggiare e stare all’aria aperta, approfittando delle belle giornate di fine estate per uscire la sera e ritrovarsi con gli amici. 

Il punto è riprendere gradualmente, evitare di rientrare dalle vacanze all’ultimo minuto, riprendere il regolare ritmo sonno-veglia, dormire almeno 7-8 ore per notte, riequilibrare il metabolismo con un’alimentazione sana, bere molta acqua ed evitare di caricarsi di troppi impegni, ponendosi piccoli obiettivi facili da raggiungere.

Sperimentare nuove attività sportive potrebbe essere stimolante per tenersi in forma e al contempo soddisfare la sana voglia di novità dell’inizio dell’anno. Sono numerosi gli impianti e le strutture che a settembre organizzano prove gratuite e open day in tutta Italia.

Il CENTRO UNIVERSITARIO SPORTIVO Torinese, la più grande polisportiva a livello nazionale per il numero di discipline praticate ed ente fondatore dell’evento JUST THE WOMAN I AM, apre le porte agli studenti e agli aspiranti sportivi per prenotare una prova gratuita per ogni corso nel mese di settembre.

30 giorni di attività gratuita per mettersi alla prova in uno dei 175 corsi proposti dal Centro nei suoi 9 impianti. Si potrà infatti accedere senza pagare, ai corsi di arrampicataatletica, passando per la canoa e il rugby.

È una grande opportunità per approfondire un’inclinazione personale verso uno sport in particolare con il supporto di istruttori e tecnici professionisti. Un modo per testare le proprie capacità e avvicinarsi allo sport.

Con questa iniziativa il Cus Torino mette al centro della propria attività la pratica sportiva per tutti, e lavora alla diffusione e al potenziamento dell’educazione fisica e dell’attività sportiva per i cittadini.

L’attività sportiva è un diritto sociale riconosciuto e il CUS Torino considera l’esperienza dello sport momento di educazione, crescita, impegno e aggregazione sociale nel rispetto di valori etici, civili e umani.

E per tutti gli altri mesi, sarà possibile tesserarsi e accedere ai corsi a prezzi vantaggiosi.

Scopri di più: https://www.custorino.it/mesedellosport/

FONTI:

http://www.federicabernardi.it/ansiarientroferiescuolalavoro/

http://fapnet.it/2019/09/sindrome-da-rientro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *